Albero-genealogico-Fedora

Albero genealogico Linux “Fedora”

Albero-genealogico-fedora.

Il progetto Fedora è una comunità globale di membri  che sostengono e promuovono il Software Libero. Il progetto Fedora è sponsorizzato da Red Hat che investe nelle infrastrutture e fornisce risorse per incoraggiare la collaborazione e lo sviluppo di tecnologie innovative. Alcune di queste tecnologie saranno poi integrate nei prodotti Red Hat. Tali tecnologie sono sviluppate in Fedora e prodotte sotto una licenza free & open source, affinché altre comunità e progetti sostenitori del software free & gratuito, possano studiarle, adottarle e modificarle.

Fedora

Fedora (in precedenza Fedora Core) è una distribuzione GNU/Linux curata dal Progetto Fedora, un progetto Open Source sponsorizzato (ma non direttamente supportato) da Red Hat e supportato dalla rispettiva community.e

Il nome si deve al cappello in feltro simbolo di Red Hat, il borsalino, chiamato in alcuni paesi Fedora.

Sito ufficiale
Atomix

Atomix è un sistema operativo (una distribuzione Linux ) adatto per server web, router e firewall, per lo sviluppo professionale di applicazioni (in particolare lo sviluppo del web), e l’uso ufficio. L’ambiente desktop principale è KDE , ma sono disponibili XFce e WindowMaker. Atomix utilizza RPM e Yum per la gestione dei pacchetti , mentre Python è il linguaggio di programmazione principale per lo sviluppo di applicazioni e la gestione del sistema.

Atomix è attivamente sviluppato dal team di sviluppo Atomix da Novi Sad ( Serbia ).

Storia

Lo stesso argomento in dettaglio: Lista delle versioni di Fedora.
Il 21 luglio 2003 Red Hat lancia la Red Hat Linux 9.0.93. Il 25 settembre dello stesso anno nasce la prima release di Fedora Core, la FC 0.94, nota anche come Fedora Core 1 test 2 e con il nome in codice Severn. Il progetto di Fedora nacque dalla iniziativa di Warren Togami, che necessitava di creare pacchetti RPM Package Manager di elevata qualità per Red Hat Linux. Ben presto questo progetto assunse una vita propria.

versioni

La prima release, Fedora Core 1 (nome in codice Yarrow), fu rilasciata il 5 novembre 2003 ed integrava ancora il Kernel Linux 2.4. Il 18 maggio 2004 uscì invece Tettnang ovvero Fedora Core 2: la release utilizza il kernel Linux 2.6, KDE 3.2 e GNOME 2.06. L’8 novembre 2004 fu rilasciata Fedora Core 3, meglio nota col nome in codice di Heidelberg.

Un’importante versione è la Fedora Core 5, nome in codice Bordeaux (disponibile sia per architetture x86, x86-64 e PPC). Tra le novità presenta l’inclusione di Mono, Xen e X.Org 7.0. Sui supporti di installazione (1 DVD oppure 5 CD) sono presenti sia KDE sia GNOME, oltre ad un’ampia scelta di applicazioni essenziali (OpenOffice.org 2.0, Eclipse, Gimp, Firefox, Thunderbird…).

Fedora Core 6, nome in codice Zod oltre ad offrire il supporto ai nuovi computer Apple Mac con processore Intel x86 (Core Duo), offre nuovi effetti grafici grazie a Compiz ed all’acceleratore grafico AIGLX (Accelerated Indirect GLX), inoltre, integra lo strumento Virt-Manager per la gestione di Xen ed una versione aggiornata di Pup, il gestore dei pacchetti.

Con la versione 7, nome in codice Moonshine, rilasciata il 31 maggio 2007, cambia il nome della distribuzione: da “Fedora Core” a “Fedora”, che viene distribuita nelle versioni Fedora Desktop (dedicata al desktop), Fedora Server (destinata al server, al pari di Ubuntu Server) e Fedora KDE (la “versione KDE” di Fedora, che include solo software KDE). Include un nuovo gestore di pacchetti, un nuovo tema grafico predefinito (Flying High), l’unione dei repository Core ed Extra e un nuovo sistema di installazione semplificata dei codec.

Caratteristiche

L’obiettivo è quello di lavorare con la comunità di GNU/Linux per creare un sistema operativo completo, utilizzando esclusivamente software liberi e forum pubblici con processi aperti.

Questo porta a un continuo aggiornamento delle distribuzioni, aggiornamento che è diventato molto semplice, anche da una distribuzione all’altra.

In Fedora sono presenti applicativi, rilasciati sotto licenza gratuiti, inclusi nel sistema operativo commerciale di Red Hat (Red Hat Enterprise Linux). Ad esempio Fedora Core 2 utilizzava il kernel Linux 2.6 e disponeva già della Security-Enhanced Linux prima che venissero inclusi nelle distribuzioni di Red Hat.

PackageKit, l’interfaccia grafica predefinite per la gestione dei pacchetti

Essa è indicata per qualsiasi utilizzo poiché contiene tutti gli strumenti per lavorare in ambiente server senza tralasciare una serie di tool grafici per la configurazione, utili per gli utenti alla ricerca di un desktop user-friendly. Basata sulla ricerca del massimo grado di aggiornamento è rilasciata su base fissa semestrale con le versioni più recenti di ogni pacchetto, compreso il kernel.

Viene distribuita in versione DVD (con tutti gli ambienti desktop disponibili e installabili, oltre a moltissimo software aggiuntivo), in versione LiveCD (con ambiente desktop di default GNOME) e poi sono presenti anche le cosiddette versioni “spin”, ed ha un ciclo di vita di 13 mesi circa. Per chi volesse utilizzare software non libero ci sono repositoryRPMFusion” (free e nonfree).[1]

Installazione e configurazione

Fedora è progettata per essere facilmente installabile e configurabile, attraverso una suite di installer grafici e tool di configurazione, in particolare grazie all’installer Anaconda e la serie di utility grafiche system-config-tools.

Gestione pacchetti

La gestione dei pacchetti software è compito dell’utility yum. Sono disponibili ufficialmente anche due interfacce grafiche per yum: gpk-application per GNOME, Xfce e LXDE mentre apper è disponibile per il KDE. con fedora 22 ci sarà il cambio del gestore dei pacchetti da yum a DNF

Aurora SPARC Linux

Aurora SPARC Linux è un sistema operativo , basato su Fedora Core, per SPARC computer. Aurora è stato originariamente creato dopo Red Hat abbandonando il supporto per l’architettura SPARC dopo Red Hat Linux 6.2.

Il nome deriva da n nome in codice per il SPARCStation 5 chassis.

Dal momento che Aurora è derivato da Fedora, e la maggior parte dei suoi sviluppatori si trovano negli Stati Uniti, mantiene solo i pacchetti legalmente distribuibili negli Stati Uniti.

Albero-genealogico-fedora

Berry Linux

Berry Linux è una distribuzione Live CD  in l’inglese con supporto giapponese. Berry Linux si basa su Fedora 20. La distribuzione si concentra principalmente come un Live CD, ma può anche essere installato tramite live USB. Berry Linux può essere usato per provare e mostrare Linux , per scopi didattici, o come un sistema di salvataggio, senza la necessità di apportare modifiche a un disco rigido . La versione attuale è 1.19 rilasciato 8 Gennaio 2015.

Edulinux

Edulinux è una distribuzione Linux , basata su Fedora . Mirava ad essere un sistema operativo completo, per essere semplice da usare ed offrire numerosi pacchetti software per scopi didattici.

È stato sviluppato con il supporto di GULUS e la Université de Sherbrooke .

EnGarde Secure Linux

EnGarde Secure Linux EnGarde secure Linux è un server open source solo per distribuzioni Linux sviluppata da guardian digital. EnGarde incorpora strumenti open source come Postfix , BIND , e la stack LAMP.

La piattaforma include i servizi per il web hosting, DNS e-mail, e altri. Dal 2005, SELinux è stato incorporato nella piattaforma di default. Altri servizi di sicurezza sono inclusi di default, così, come il rilevamento delle intrusioni, anti-virus, gestione della rete e di controllo e strumenti di reporting.

Gli utenti possono configurare i servizi attraverso la linea di comando, o in remoto gestirle tramite WebTool, un’interfaccia basata su browser della piattaforma.

Fuduntu

Fuduntu Linux era una distribuzione Linux basata su Fedora e creata da Andrew Wyatt. E stato progettato per adattarsi tra Fedora e Ubuntu, ottimizzato per netbook e altri computer portatili, si tratta di un sistema operativo general-purpose.

Il 25 settembre 2013, il team di sviluppo smise di fare Cloverleaf, a causa della mancanza di manodopera, nonché a causa di perdite di immagine e di altre questioni riguardanti il codice sorgente per di KDE prossimo ambiente desktop leggero Klyde, che a termine doveva essere usato come ambiente desktop predefinito di Quadrifoglio. Più tardi, il loro blog è caduto.

Albero-genealogico-fedora

Hanthana

Hanthana Linux è una distribuzione Linux basata su Fedora, distribuita come software libero e open source.

E ‘appositamente progettata per soddisfare le esigenze degli utenti di computer del Sri Lanka che sono in grado di accedere spesso a Internet, con molte applicazioni integrate.

K12

K12Linux è un Server Project (LTSP.org) integrato con Fedora in LiveUSB o DVD. Dal 1999 ha autorizzato LTSP in molte scuole, aziende con Linux terminal basate su server e thin client, consentendo a basso costo o client computer riciclati per diventare potenti desktop Linux. K12Linux consente una facile installazione di un Linux terminal server, in grado di servire intere reti di netboot client diskless.
I clienti hanno l’accesso al terminal server centrale, dove è possibile utilizzare qualsiasi Linux desktop environment (GNOME, KDE, XFCE, ecc.) e la maggior parte delle applicazioni desktop. Notevoli risparmi a lungo termine sono resi possibili dalla gestione centralizzata del software e dei conti.

Korora

Korora è una distribuzione GNU/Linux, indirizzata per utenti con poca esperienza nel mondo Linux. ma contemporaneamente accessibile anche per gli utenti più esperti.

Storia

Creata nel 2005 ed originariamente basata su Gentoo Linux, Kororaa è stata riprogettata nel 2010 per diventare una distribuzione basata su Fedora

La versione 17 (Bubbles) è stata rilasciata il 29 luglio 2012.

Caratteristiche

Il principale obiettivo che Kororaa Linux si propone di raggiungere è quello di fornire un sistema operativo GNU/Linux completo e di facile utilizzo; infatti essa include diverso software non presente in Fedora Linux.

Essa presenta le seguenti caratteristiche:

  • Supporto più esteso possibile per ogni tipo di hardware
  • Preinstallazione delle applicazioni più richieste dagli utenti (ad esempio Firefox al posto di Konqueror)
  • Capacità nativa di riprodurre tutti i contenuti multimediali usati nel Web
  • Possibilità di installazione del plugin Adobe Flash per il browser (a richiesta dell’utente)
  • Filosofia “una sola applicazione per ogni singolo compito”
  • Fornire strumenti semplici per ottenere aiuto e manuali, guide che permettano di poter usare proficuamente il sistema operativo
  • Costruire una piccola comunità di utenti Linux pronti a collaborare al progetto, segnalare eventuali malfunzionamenti, ecc.

È disponibile con quattro ambienti desktop: GNOME e KDE, Cinnamon e MATE

Linpus Linux

Linpus è una distribuzione Linux derivata da Fedora Linux e sviluppata dalla Linpus Technologies con sede in Taipei, Taiwan.

Caratteristiche

  • Inizialmente è progettata per gli utenti asiatici, essa infatti prevede il supporto Unicode di lingua cinese e giapponese, successivamente è stata sviluppata anche una versione localizzata in lingua inglese.
  • Più tardi è stata lanciata una versione lite, distribuita tra l’altro sul netbook Acer Aspire One, con due interfacce, una basata sul desktop Xfce e una predefinita dove sono già disponibili sotto forma di grandi icone le diverse applicazioni che Linpus offre.