Come installare MySql su Ubuntu | Linuxiano.it
Privacy Policy

Come installare MySql su Ubuntu

Come installare MySql su Ubuntu

installare-mysql-su-ubuntu

Che cos’è Mysql?

MySQL è un sistema di gestione di database relazionale open source (RDBMS) che utilizza Structured Query Language (SQL).

SQL è la lingua più conosciuta per l’accesso, la modifica e la gestione del contenuto in un database. È più noto per la sua gestione rapida, dimostrata l’affidabilità, la semplicità e l’adattabilità dell’utilizzo. MySQL è un pezzo primario di tutte le applicazioni open source PHP. I grandi esempi di progetti basati su PHP / MySQL sono phpBB, osCommerce e Joomla.

Come installare MySQL su Ubuntu

In questo tutorial installeremo MySQL su Ubuntu 16.04.2, le procedure qui dimostrate possono funzionare anche per altre versioni di Ubuntu. MySQL viene installato utilizzando il gestore pacchetti apt. Prima di iniziare l’installazione, assicurati che tutti i pacchetti siano aggiornati. È possibile eseguire il seguente comando nel terminale per aggiornare i pacchetti.

Terminale

sudo apt-get update

Successivamente installeremo un pacchetto che scarica tutti i file necessari,
inizialmente configura il database e gestisci l’esecuzione di MySQL come servizio di sistema. Eseguire il seguente comando sul terminale per installare il pacchetto, immettere ‘y’ quando richiesto e premere enter.

Terminale

sudo apt-get install mysql

Una finestra d’amministrazione che richiede una password di root verrà visualizzata nell’ambito del processo di installazione del pacchetto. Inserisci una password di tua scelta due volte e l’installazione procederà. In un momento, il processo di installazione sarà completo.

Protezione di MySQL

Per motivi di sicurezza, non desiderate che le applicazioni si connettano a MySQL utilizzando l’utente root creato. È consigliabile che le applicazioni si connettano al database MySQL utilizzando utenti e non radici, in questo passaggio mostriamo come farlo. L’installazione predefinita di MySQL è destinata agli obiettivi di sviluppo e di test. Tuttavia, questo tipo di ambiente è considerato insicuro per gli ambienti di produzione, quindi viene fornito con un’utilità per ruotare la sicurezza sottostante. Esegui il seguente comando nel terminale e rispondi alle domande rapide in base ai requisiti d’ambiente.

Terminale

sudo mysql_secure_installation

Una volta terminata con i prompt, avrai l’installazione di un’istanza MySQL con una sicurezza adeguata. Ora è necessario creare utenti non root in cui le applicazioni utilizzeranno per interagire con il database MySQL.

Come creare utenti MySQL

Per iniziare, connettersi all’istanza MySQL utilizzando il client di riga di comando MySQL. Per accedere al cmd MySQL scrivere mel terminale il comando di seguito:

Terminale

mysql -u root -p

Per creare un nuovo utente, utilizzare il comando MySQL CREATE USER. Esegui il comando riportato di seguito sul terminale, ricorda di sostituire rispettivamente “nomefuser” e “strongpass” con il nome e la password del nuovo utente desiderati.

CREATE USER ‘nameofuser’@’localhost’ IDENTIFIED BY ‘strongpass’;

Questo comando non ha alcuna uscita sull’esecuzione corretta. MySQL consente l’applicazione di privilegi agli utenti creati in modo da poter gestire le operazioni basilari di database. Ancora una volta sostituisci “nameofuser” con il nome dell’utente creato.

GRANT ALL PRIVILEGES ON * . * TO ‘nameofuser’@’localhost’;

Si raccomanda di ricaricare i privilegi per assicurarsi che le nuove autorizzazioni concesse siano in atto. Esegui questo comando sul tuo terminale per ottenere questo risultato.

FLUSH PRIVILEGES;

Come connettersi a MySQL

Se hai raggiunto questo punto, se tutto impostato per connettersi e lavorare con MySQL. Esci dal client di riga di comando con ” ctrl-d “. Ricollegare l’istanza MySQL con il nostro nuovo utente non radice eseguendo il seguente comando nel terminale.

Terminale
  • mysql -u nameofuser -p

Comandi MySQL di base

Creare un database

Sintassi:

CREATE DATABASE [name of database];

Esempio:
CREATE DATABASE mydatabase;

Connettiti al database

Sintassi:

utilizzare [nome del database];

Esempio:
use mydatabase;

Crea una tabella

Sintassi:

Tabella CREATE TABLE (
colonna1 tipo [[NOT] NULL]
[INCREMENTO AUTOMATICO],
colonna2 tipo [[NOT] NULL]
[INCREMENTO AUTOMATICO],

altre opzioni,
CHIAVE PRIMARIO (colonna (i)));

Esempio:
CREATE TABLE Students (

LastName varchar(30) NOT NULL,
FirstName varchar(30) NOT NULL,
StudentID int NOT NULL,
Major varchar(20),
Dorm varchar(20),
PRIMARY KEY (StudentID) );

Le migliori pratiche MySQL

Ottimizza le tue richieste per la cache delle query

La maggior parte dei server MySQL è la cache di query autorizzata. È tra le migliori strategie per migliorare le prestazioni, che è privo di cura del motore di database. Ogni volta che la stessa query viene eseguita più volte, il risultato viene dalla cache, quindi molto più veloce.

chiarisci le tue query selezionate

Per avere un’idea di ciò che MySQL sta facendo per eseguire la query, utilizzare la parola chiave EXPLAIN. Ciò aiuta a individuare i problemi che possono causare preoccupazione alla query o ad altri oggetti di database.

LIMITO 1 Quando ottenere una riga univoca

Quando s’interrogano le tabelle per una sola riga o l’esistenza di record che corrispondono a una clausola WHERE, si consiglia di aggiungere LIMIT 1 alla query SELECT per aumentare le prestazioni. Ciò significa che il motore di database restituirà i risultati solo dopo aver trovato un solo record anziché scansionare l’intero oggetto del database dato.

Indica i campi di ricerca

Se nelle tabelle sono presenti delle colonne utilizzate per query “per ricerca” , si consiglia di indicarli sempre.

Indice e utilizza gli stessi nomi delle colonne per le join

E ‘anche una buona pratica per indicizzare sempre le colonne utilizzate in un JOIN. Questo migliora in modo significativo come MySQL ottimizza l’operazione JOIN. Inoltre, accertarsi che le colonne da unire siano dello stesso tipo di dati. Se sono di tipo diverso, MySQL potrebbe non essere in grado di utilizzare uno degli indici.

Evitare di selezionare tutti (SELECT *)

La quantità di dati che leghi da tabelle influisce in modo significativo sulla velocità della query. Interessa il tempo necessario per le operazioni sul disco. Se si accede al server del database in una rete, influenzerà il tempo necessario per il trasferimento di dati in rete. È una delle migliori pratiche di MySQL che deve sempre specificare quali colonne sono necessarie quando si effettua il SELECT.

Scegliere il giusto motore di stoccaggio

MySQL dispone di due principali motori di storage; MyISAM e InnoDB. Ognuno di questi ha i suoi vantaggi e svantaggi.

MyISAM è consigliato per applicazioni pesanti, anche se funziona male nei casi in cui ci sono molte scritture. Gli oggetti di database vengono bloccati quando viene eseguita un’operazione a prescindere da quanto siano semplici. MyISAM sarebbe utile quando fa numerose query SELECT COUNT (*).

InnoDB tende ad essere un motore di memorizzazione più sofisticato. Tuttavia, può essere un po ‘più leggero di MyISAM per molte piccole applicazioni. Ma supporta la chiusura a base di righe, che scala meglio. Può anche gestire alcune funzionalità avanzate come le transazioni.

Se avete consigli o domande non esitate a scrivermi