OpenDNS-vs-GoogleDNS | Linuxiano.it
Privacy Policy

OpenDNS-vs-GoogleDNS

OpenDNS-vs-GoogleDNS

Il fornitore di servizi Internet non dispone di server DNS più veloci

Questo può rallentare il sistema, perché il browser cerca l’indirizzo IP di ogni sito web che tentate di visualizzare. Ecco come passare a OpenDNS o DNS per una navigazione più veloce.

Il sistema dei nomi di dominio (in inglese: Domain Name System, DNS), è un sistema utilizzato per la risoluzione di nomi dei nodi della rete (in inglese: host) in indirizzi IP e viceversa. Il servizio è realizzato tramite un database distribuito, costituito dai server DNS. Il DNS ha una struttura gerarchica ad albero rovesciato ed è diviso in domini (com, org, it, ecc.). Ad ogni dominio o nodo corrisponde un nameserver, che conserva un database con le informazioni di alcuni domini di cui è responsabile e si rivolge ai nodi successivi quando deve trovare informazioni che appartengono ad altri domini.

Ogni nome di dominio termina con un “.” (punto). Ad esempio l’indirizzo wikipedia.org. termina con il punto. La stringa vuota che segue il punto finale è chiamata dominio radice (DNS root zone). I server responsabili del dominio radice sono i cosiddetti root nameservers. Possiedono l’elenco dei server autoritativi di tutti i domini di primo livello (TLD) riconosciuti e, forniscono la risposta a ciascuna richiesta. I root nameserver sono nel mpondo 13 totali, di cui 10 negli Stati Uniti, due in Europa (Inghilterra e Svezia) ed uno in Giappone.

Per ogni dominio è disponibile almeno un server con nomi di competenza.

Esistono diversi tipi di server che variano tra funzionalità e ruoli. In teoria, i server con nomi autorevoli sono ottimi per navigare, ma per migliorare l’efficienza, ridurre il traffico DNS e aumentare le prestazioni nelle applicazioni di utenti finali, il DNS supporta i server di cache che memorizzano i risultati della query per un periodo determinato nella configurazione (time-to-live) del record di dominio in questione. In genere, tali server DNS di cache implementano anche l’algoritmo ricorsivo necessario per risolvere un determinato nome che inizia con la radice DNS attraverso autorevoli nomi di server del dominio interrogato. Con questa funzione aiuta i server, e le applicazioni utente ottengono efficienza nel design e nell’esercizio.

Questi server di nome di cache vengono utilizzati come resolver nei nostri computer locali e nei server. Ci sono diverse opzioni disponibili durante l’utilizzo di resolver. In alternativa, è possibile utilizzare i server dei nomi ISP, che sono i server dei nomi di cache forniti dall’ISP o utilizzano server di nomi di terze parti.

ISP Nome server

Questi sono forniti dal tuo fornitore di servizi. A seconda della posizione geografica, il server DNS dell’ISP potrebbe preformarsi meglio in termini di velocità di conversione rispetto ai server DNS di terze parti solo perché la tua richiesta non ha molto bisogno di “viaggiare”. Ma i server di nome ISP bloccheranno alcune richieste DNS e lo reindirizzeranno a una pagina di avviso come siti pirata, siti torrent, ecc.

Puoi superare questo utilizzo con server DNS di terze parti, quali: Google (pubblico) DNS, openDNS, ultraDNS, dynGuide e molti altri.

Selezione del server DNS

È molto importante scegliere i server DNS appropriati per il computer locale o il server. Influisce anche la navigazione e la gestione dei servizi nei server. È necessario testare la velocità di risoluzione dei server DNS e selezionare quello con buone prestazioni. Mentre consideriamo il server DNS per i server, dobbiamo considerare anche il tempo di cache, alcuni server DNS hanno una cache lunga che ci indurrebbe, se un IP del sito web è cambiato e ci vorrà più tempo per propagare.

Provare la velocità di risoluzione?

Se si utilizza un sistema Linux, è possibile eseguire il seguente comando e controllare il risultato per comprendere il tempo necessario per la query. dig yourdomain.com e controlla il “Tempo di query”. Ho fatto il test per due domini e per Google. Ottengo il DNS di Google con il tempo minimo di query e, per il dominio linuxiano.it il tempo di query è meno con OpenDNS. Dove come il DNS 4.2.2.2 sta dando tempi di query più alti con entrambi i domini, allora puoi utilizzare DNS di Google o Apri DNS in base al requisito.

Personalmente uso nel mio server

  1.   DNS
  2. openDNS
  3. “4.2.2.2” nel mio server

Dalla ricerca Google, la maggior parte dei siti suggerisce di utilizzare openDNS o DNS per il resolver, preferendo i server dei nomi ISP, poiché i server DNS ISP sono più lenti di DNS. E personalmente noto che OpenDNS e DNS di Google stanno usando TTL rispetto a “4.2.2.2”, quindi le modifiche DNS che aggiorniamo nei server sono più veloci, se testi qualsiasi modifica di record DNS, non utilizzare “4.2.2.2”.

Anche tenendo a mente, cambiare il resolver DNS non influenzerà (aumenta o diminuisce) la velocità, dipende puramente dal tuo provider. Google o OpenDNS potrebbe fornire una risoluzione leggermente più veloce dei nomi all’indirizzo IP e possibilmente un certo livello di protezione da nomi di dominio malware conosciuti.

Vantaggi di utilizzare un buon server DNS?

Avere un server DNS può essere utile se stai navigando su siti web particolarmente carichi di risorse off-site quali pulsanti social media, immagini pubblicitarie, script e altre risorse che hanno bisogno di risolvere le loro posizioni. Ciò può essere particolarmente fastidioso per la maggior parte degli utenti
perchè sembra che il sito principale sia lento, la causa è la risoluzione e il download di tutte le risorse “extra”.

Spurgo DNS

Quando si modifica il server DNS, raccomando di pulire la cache DNS nel computer. La cache DNS è tradotta da siti che il tuo PC memorizza in modalità non in linea, il che significa che se si visita un sito più volte, è sufficiente contattare il server DNS una volta per una traduzione corretta. Ma se si cambia dal server DNS ISP a DNS di Google o OpenDNS, raccomando di reimpostare questa cache.
Per linux, basta riavviare il servizio “nscd” o riavviare “network-manager”

/etc/init.d/nscd restart
Oppure
service network-manager restart
Google Public DNS e OpenDNS sono i server DNS pubblici su cui è possibile affidarsi e sono gratuiti. Sono progettati per accelerare e contribuire a proteggere l’esperienza di navigazione in Internet sfruttando una rapida rete mondiale di server DNS.

Se avete consigli o domande non esitate a scrivermi