Le migliori-distribuzioni-Linux-per-il-2018 | Linuxiano.it
Privacy Policy

Le migliori-distribuzioni-Linux-per-il-2018

Le migliori distribuzioni Linux per il 2018

È un nuovo anno e il panorama delle possibilità è illimitato per Linux. Mentre il 2017 ha apportato alcune importanti modifiche a un certo numero di distribuzioni Linux, ritengo che il 2018 porterà una seria stabilità e una crescita della quota di mercato, sia per il server che per il desktop. Per coloro che potrebbero cercare di migrare verso la piattaforma open source (o coloro che cercano di accedervi), quali sono le scelte migliori per il prossimo anno? Se vai su Distrowatch, troverai una serie vertiginosa di possibilità, alcune delle quali sono in aumento, e alcune che stanno avendo l’effetto opposto. Quindi, quali distribuzioni di Linux saranno favorevoli al 2018?  Queste categorie dovrebbero coprire le esigenze di qualsiasi tipo di utente Linux.

Migliore distribuzione per amministratori di sistema

Debian non è spesso visto nelle liste dei “migliori”. Dovrebbe essere. Perché? Se si considera che Debian è la base di Ubuntu (che è, a sua volta, il fondamento di così tante distribuzioni), è abbastanza facile capire perché questa distribuzione dovrebbe trovare la sua strada in molte liste. Ma perché per gli amministratori? L’ho considerato per due motivi molto importanti:

  • Facilità d’uso
  • Stabilità estrema

Poiché Debian usa i gestori di pacchetti dpkg e apt, è un ambiente incredibilmente facile da usare. E poiché Debian offre una delle piattaforme Linux più stabili, rappresenta un ambiente ideale per tante cose:

  • desktop
  • server
  • test
  • sviluppo.

Sebbene Debian non includa una sovvrebondanza d’applicazioni trovate nel vincitore dell’ultimo anno (per questa categoria), con Parrot Linux invece potete aggiungere qualsiasi applicazione necessaria per terminare il vostro lavoro. E poiché Debian può essere installato a tua scelta desktop (Cinnamon, GNOME, KDE, LXDE, Mate o Xfce), puoi essere sicuro che l’interfaccia soddisferà le tue esigenze.

Al momento, Debian è elencato al numero 2 di Distrowatch. Scaricalo, installalo e fallo servire a uno scopo specifico. Potrebbe non essere appariscente, ma Debian è un sogno sysadmin che diventa realtà.

La migliore distribuzione leggera

La distribuzione leggera ha uno scopo ben preciso, dando nuova vita a macchine più vecchie e meno potenti. Ma questo non significa che queste particolari distribuzioni dovrebbero essere considerate solo per il tuo vecchio hardware. Se la velocità è la tua ultima necessità, potresti voler vedere quanto velocemente questa categoria di distribuzione verrà eseguita sulla tua macchina moderna.

In cima alla lista delle distribuzioni leggere per il 2018 c’è Lubuntu . Sebbene ci siano molte opzioni in questa categoria, poche arrivano persino vicino alla curva di apprendimento prossima a zero che si trova su questa distribuzione. E anche se l’impronta di Lubuntu non è così piccola come Puppy Linux, grazie alla sua appartenenza alla famiglia Ubuntu, la facilità d’uso ottenuta con questa distribuzione compensa. Ma non temere, Lubuntu non impantanerà il tuo vecchio hardware. I requisiti sono:

  • CPU: Pentium 4 o Pentium M o AMD K8
  • Per le applicazioni locali, Lubuntu può funzionare con 512 MB di RAM. Per l’utilizzo online (Youtube, Google+, Google Drive e Facebook), è consigliabile 1 GB di RAM.

Lubuntu fa uso del desktop LXDE (Figura 2), il che significa che gli utenti nuovi a Linux non avranno il minimo problema a lavorare con questa distribuzione. La breve lista di app incluse (come Abiword, Gnumeric e Firefox) sono tutte velocissime e user-friendly.

La migliore distribuzione desktop

Per il secondo anno consecutivo, l’ OS elementary è in cima alla mia lista della migliore distribuzione desktop. Per molti, il leader del desktop è Linux Mint (che ha un gusto molto raffinato). Tuttavia, per i miei soldi, è difficile battere la facilità d’uso e la stabilità del sistema operativo elementary. Caso in questione, ero certo che il rilascio di Ubuntu 17.10 mi avrebbe fatto migrare di nuovo alla distribuzione di Canonical. Molto presto dopo la migrazione alla nuova Ubuntu GNOME-Friendly, mi sono ritrovato a non avere l’aspetto, la sensibilità e l’affidabilità di Elementary OS . Dopo due settimane con Ubuntu, sono tornato al sistema operativo elementare.

Chiunque abbia dato il via ad un sistema operativo elementary si sente subito a suo agio. Il desktop Pantheon è una combinazione perfetta di fluidità e facilità d’uso. E con ogni aggiornamento, migliora solo.

Anche se il sistema operativo elementary si trova al 6 ° posto nella classifica di successo della pagina Distrowatch, prevedo che si troverà ad arrivare almeno al terzo posto entro la fine del 2018. Gli sviluppatori di elementary sono molto in sintonia con ciò che gli utenti desiderano.  Chiunque sia alla ricerca di un desktop che offra un aspetto unificato all’intera interfaccia utente, il sistema operativo elementary è difficile da battere. Se hai bisogno di un desktop che offra un eccezionale rapporto di affidabilità e facilità d’uso, il sistema operativo elementare è la tua distribuzione.

Migliore distro per quelli con qualcosa da dimostrare

Per molto tempo Gentoo si è seduto in cima alla lista di distribuzione “mostraci le tue abilità”. Tuttavia, penso che sia ora che Gentoo faccia un passo indietro sul vero leader di “qualcosa da dimostrare”: Linux From Scratch . Potresti non ritenerlo equo, poiché LFS in realtà non è una distribuzione, ma un progetto che aiuta gli utenti a creare la propria distribuzione Linux. Ma, seriamente, se vuoi fare un lungo cammino per dimostrare la tua conoscenza di Linux, quale modo migliore di creare una tua propria distribuzione? Dal progetto LFS, è possibile creare un sistema Linux personalizzato, completamente … interamente dal codice sorgente. Quindi, se hai davvero qualcosa da dimostrare, scarica Linux From Scratch Book e inizia a costruire.

Migliore distribuzione per l’IoT

Per il secondo anno consecutivo, Ubuntu Core si dichiara vincente. Ubuntu Core è una piccola versione transazionale di Ubuntu, costruita specificamente per dispositivi embedded e IoT. Ciò che rende Ubuntu Core così perfetto per IoT è che pone l’attenzione sui pacchetti snap-pacchetti universali che possono essere installati su una piattaforma, senza interferire con il sistema di base. Questi pacchetti snap contengono tutto ciò di cui hanno bisogno per essere eseguiti (incluse le dipendenze), quindi non c’è da preoccuparsi che l’installazione interrompa il sistema operativo (o qualsiasi altro software installato). Inoltre, gli snap sono molto facili da aggiornare ed eseguire in una sandbox isolata, rendendoli un’ottima soluzione per IoT.

Un’altra area di sicurezza integrata in Ubuntu Core è il meccanismo d’accesso. Ubuntu Core funziona con chiavi ssh Ubuntu One, in modo che l’unico modo per accedere al sistema sia tramite le chiavi ssh caricate su un account Ubuntu One. Ciò consente una maggiore sicurezza per i tuoi dispositivi IoT.

Migliore distribuzione server

Qui faremo un pò di confusione, il motivo principale è il supporto. Se hai bisogno di supporto commerciale, la scelta migliore potrebbe essere, a prima vista, Red Hat Enterprise Linux . Red Hat si è dimostrata, anno dopo anno, non solo per essere una delle piattaforme server enterprise più potenti del pianeta, ma anche per le aziende open source più redditizie (con oltre $ 2 miliardi di entrate annuali).

Tuttavia, Red Hat non è l’unica distribuzione del server. In effetti, Red Hat non domina nemmeno ogni aspetto del computing server aziendale. Se si guardano solo le statistiche del cloud su Elastic Compute Cloud di Amazon, Ubuntu fa saltare via Red Hat Enterprise Linux. Secondo The Cloud Market , le statistiche EC2 mostrano RHEL a meno di 100k implementazioni, mentre Ubuntu è di oltre 200k implementazioni. Questo è significativo.

Il risultato finale è che Ubuntu è praticamente diventato il leader nel cloud. E se combiniamo tutto ciò con la facilità d’utilizzo e gestione dei contenitori di’Ubuntu, allora è chiaro che Ubuntu Server è il vincitore per la categoria Server. E, se hai bisogno di supporto commerciale, Canonical ti copre, con Ubuntu Advantage .

L’unica avvertenza per Ubuntu Server è che per impostazione predefinita è un’interfaccia di solo testo. Potete installare una GUI, se necessario, ma lavorare con la riga di comando di Ubuntu Server è piuttosto semplice (e qualcosa che ogni amministratore Linux dovrebbe conoscere).

La scelta è tua

Come ho detto prima, queste scelte sono tutte molto soggettive … ma se stai cercando un ottimo punto di partenza, prova queste distribuzioni. Ognuno può servire a uno scopo ben preciso e farlo meglio della maggior parte. Sebbene tu possa non essere d’accordo con le mie scelte particolari, è probabile che tu sia d’accordo sul fatto che Linux offre incredibili possibilità su ogni fronte.