Monit strumento di supervisione dei processi per Unix e Linux | Linuxiano.it
Privacy Policy

Monit strumento di supervisione dei processi per Unix e Linux

Monit strumento di supervisione dei processi per Unix e Linux

Monit è uno strumento gratuito di supervisione dei processi per Unix e Linux

Con Monit, lo stato del sistema può essere visualizzato direttamente dalla riga di comando o tramite il server Web nativo HTTP (S. Monit è diventato popolare grazie a Ruby on Rails e al server web Mongrel (citazione necessaria) perché era necessario uno strumento in grado di gestire i numerosi processi Mongrel identici che dovevano essere eseguiti per supportare un sito scalabile di Ruby on Rails, e Monit era abbastanza unico adatto per le esigenze della comunità Ruby on Rails. Molti siti popolari di Rails hanno utilizzato Monit, compresi Twitter e scribd.

Installa Monit

Disponibile per Ubuntu 16.04 18.04 e successivi, per installare Monit aprite un terminale (CTRL+ALT+T) e copiate i seguenti comandi:

Terminale
  • sudo apt update
  • sudo apt install monit

Controlla se il servizio è installato correttamente:

Terminale
  • sudo systemctl status monit

Per avviare il servizio:

Terminale
  • sudo systemctl start monit

Per fermare il servizio:

Terminale
  • sudo systemctl stop monit

Per riavviare il servizio:

Terminale
  • sudo systemctl restart monit

Per abilitare il servizio Monit al momento dell’avvio, esegui:

Terminale
  • sudo systemctl enable monit

Configura il servizio

/Et /monit/monitrc” è il file di configurazione principale di Monit e file di configurazione aggiuntivi per processi / servizi sono solitamente collocati in “/etc/monit/conf-available” e “/etc/monit/conf-enabled

Terminale
  • sudo gedit /etc/monit/monitrc

Se desideri modificare gli intervalli di tempo tra il controllo dell’assistenza, modifica il valore sottostante:

set daemon 120

Imposta le informazioni del server di posta per inoltrare gli avvisi generati da Monit:

set mailserver mx.linuxiano.local port 25

Specificare un indirizzo email sul quale si desidera essere avvisati in caso di guasti / eventi

set alert [email protected]

Se desideri solo e-mail di avviso per determinati eventi, quindi:Es: avviso solo sugli eventi “Timeout” e “Ping failed”:

set alert [email protected] only on { timeout, icmp }

Abilita l’interfaccia Web Monit:

Monit dispone inoltre di un’interfaccia Web incorporata per visualizzare i servizi di stato e gestirli tramite un browser web. Per impostazione predefinita, l’interfaccia web Monit è disabilitata. Per abilitare, modifica il file di configurazione Monit “/etc/monit/monitrc“.

Terminale
  • sudo gedit /etc/monit/monitrc

da:

# set httpd port 2812 and
# use address localhost # only accept connection from localhost
# allow localhost # allow localhost to connect to the server and
# allow admin:monit # require user ‘admin’ with password ‘monit’

a:

set httpd port 2812 and
allow admin:monit # require user ‘admin’ with password ‘monit’

Riavvia il servizio:

Terminale
  • sudo systemctl restart monit.service

Controlla se il servizio Monit è in ascolto correttamente su tutte le interfacce o meno:

Terminale

sudo netstat -antup | grep -i monit

Risultato:

Se da terminale esce questo risultato o simile allora monit è installato correttamente

Accedi all’interfaccia Web Monit:

Accedi all’interfaccia web, con http://localhost:2812, e devi usare il nome utente come “admin” e password come “monit” per accedere all’interfaccia web di Monit. La home page di Monit sarà simile a questa.

 

Clicca su “server”(nel mio caso “daniel-Aspire-E5-774G“) per vedere le informazioni dettagliate di Monit.

Puoi anche usare la riga di comando di Monit per vedere lo stato di Monit.

Terminale
  • sudo monit status

Configurare i servizi per il monitoraggio:

Ora sei pronto per andare e configurare Monit per monitorare altri servizi. Possiamo posizionare i file di configurazione nella directory “/ etc / monit / conf-enabled /”.Configura Monit per il servizio FTP:Configura Monit per iniziare quando l’FTP non funziona per qualsiasi motivo. Crea il file di configurazione chiamato “proftpd”:

Terminale
  • sudo gedit /etc/monit/conf-available/proftpd

Aggiungi la seguente configurazione al file sopra:

check process proftpd with pidfile /var/run/proftpd.pid
start program = “/etc/init.d/proftpd start”
stop program = “/etc/init.d/proftpd stop”
if failed port 21 protocol ftp then restart

Abilita il file di configurazione che simula la directory “/ etc / monit / conf-enabled /”:

Terminale
  • sudo ln -s /etc/monit/conf-available/proftpd /etc/monit/conf-enabled/

Verifica la sintassi Monit:

Terminale
  • sudo monit -t

Modelli predefiniti:

Monit include anche modelli di configurazione predefiniti per alcuni processi e servizi. I modelli si trovano in “/ etc / monit / conf-available /”, e puoi abilitarli semplicemente facendo il symlinking alla directory “/ etc / monit / conf-enabled /”.

Terminale
  • sudo ls -al /etc/monit/conf-available/

Configura Monit per rsyslog utilizzando il modello:

Ad esempio, monitoriamo il servizio Apache2 utilizzando il modello predefinito fornito da Monit. Collega i modelli alla directory “/ etc / monit / conf-enabled /”.

Terminale
  • sudo ln -s /etc/monit/conf-available/apache2 /etc/monit/conf-enabled/

Riavvia il servizio Monit per rendere effettive le modifiche:

Terminale
  • sudo systemctl reload monit

Accedi all’interfaccia web:

troveresti i nuovi servizi che abbiamo configurato usando il modello.

Grazie! per l’utilizzo della Guida di Linuxiano.

Trovi questo tutorial utile? Condividi con i tuoi amici per tenerlo in vita.
Sii il primo a commentare, apprezzo i tuoi suggerimenti. Per ulteriori domande potete commentare qui sotto.