Zotero software per gestione di bibliografie, materiali | Linuxiano.it
Privacy Policy

Zotero software per gestione di bibliografie, materiali

Zotero software per gestione di bibliografie, materiali

Zotero /zoʊˈtɛroʊ/ è un reference management software, libero e open source, per la gestione di bibliografie e dei materiali ad esse correlati (ad esempio file PDF)

Alcune delle sue principali caratteristiche sono l’integrazione all’interno dei più famosi web browser e editor di testo, la sincronizzazione on-line delle bibliografie, la generazione automatica di citazioni, note e bibliografie. È sviluppato dal Roy Rosenzweig Center for History and New Media (RRCHNM) della George Mason University. Il nome “Zotero” deriva dal verbo albanese zotëroj, che significa “padroneggiare”.

Appena aperto il programma troverete questa pagina di configurazione, cliccate su next

Caratteristiche:

Zotero, grazie ad una estensione per Mozilla Firefox, Google Chrome e Safari, mostra un’icona quando una risorsa (libri, articoli, tesi, immagini, voci di Wikipedia…) è visualizzata in numerosi siti web (come cataloghi di biblioteche, archivi online, depositi di articoli scientifici, siti di editori). Cliccando su questa icona Zotero salva nella propria libreria tutti i metadati presenti sulla pagina in relazione alla risorsa visualizzata. Zotero può anche salvare una copia della pagina web o, nel caso di articoli accademici a cui l’utente abbia accesso, una copia dell’intero testo in formato PDF. L’utente può quindi aggiungere agli elementi salvati note, tag, allegati e nuovi metadati.

Gli oggetti sono organizzati all’interno di un’interfaccia drag and drop, simile a quella di iTunes, e possono essere cercati grazie all’apposita barra di ricerca. Selezioni della libreria possono successivamente essere esportate come bibliografie formattate. Inoltre, ogni voce contenente informazioni bibliografiche e note in formato rich text degli articoli selezionati possono essere riassunte in un report HTML.

Zotero, al pari di software analoghi come Mendeley, “legge” i metadati di una risorsa grazie a OpenURL COinS (ContextObjects in Spans), un metodo per inserire metadati all’interno del codice HTML. Importanti database italiani che fanno uso di COinS e i cui metadati sono dunque automaticamente importabili in Zotero comprendono il catalogo online del Servizio Bibliotecario Nazionale, Wikipedia in lingua italiana, Wikisource in lingua italiana. Tra i più importanti database internazionali si contano, per citare solo pochi esempi, Internet Archive, WorldCat, Jstor, YouTube, Google Books.

Installazione:

Disponibile per Ubuntu 18.04 derivati e siccessivi.

Per installare aprite un terminale (CTRL+ALT+T) e copiate i seguenti comandi:

Terminale
  • sudo  -s
  • add-apt-repository ppa:smathot/cogscinl
  • apt-get update
  • apt-get install zotero-standalone -y

Rimuovere:

Per rimuovere aprite un terminale (CTRL+ALT+T) e copiate i seguenti comandi:

Terminale
  • sudo  -s
  • apt-get update
  • apt-get –purge remove zotero-standalone -y

Grazie! per l’utilizzo della Guida di Linuxiano.

Trovi questo tutorial utile? Condividi con i tuoi amici per tenerlo in vita.
Sii il primo a commentare, apprezzo i tuoi suggerimenti. Per ulteriori domande potete commentare qui sotto.