Zim editor di testo grafico per mantenere una collezione di pagine Wiki

Zim editor di testo grafico per mantenere una collezione di pagine Wiki

Zim è un editor di testo grafico utilizzato per mantenere una collezione di pagine wiki

Ogni pagina può contenere collegamenti ad altre pagine, semplice formattazione e immagini. Le pagine sono memorizzate in una struttura di cartelle, come in un outliner, e possono avere allegati. Creare una nuova pagina è facile come collegarsi a una pagina inesistente. Tutti i dati sono memorizzati in file di testo semplice con formattazione wiki. Vari plug-in forniscono funzionalità aggiuntive, come un gestore di elenchi compiti, un editor di equazioni, un’icona di barra e supporto per il controllo della versione.

Zim può essere usato per:

  • Tienere un archivio di note
  • Prendere appunti durante le riunioni o le lezioni
  • Organizzare gli elenchi di attività
  • Bozze di post di blog ed e-mail
  • Fare il brainstorming

Zim gestisce diversi tipi di markup, come titoli, elenchi puntati e, naturalmente, grassetto , corsivo ed evidenziato. Questo markup viene salvato come testo wiki in modo da poterlo facilmente modificare con altri editor. Grazie alla funzione di salvataggio automatico puoi passare da una pagina all’altra e seguire i collegamenti durante la modifica senza preoccupazioni.

zim-editor-grafico-collezione-di-pagine-wiki

Sebbene zim ora esista da più di 3 anni, non esiste ancora una versione “1.0”. Ciò non significa che l’applicazione sia particolarmente instabile (anche se fare backup è sempre una buona pratica) o solo utilizzabile per i guru di Linux. Ma vuol dire che il set di funzionalità non è ancora completo (ovviamente tutto ciò che è descritto nel manuale è implementato).

zim-editor-grafico-collezione-di-pagine-wiki

zim-editor-grafico-collezione-di-pagine-wiki

zim-editor-grafico-collezione-di-pagine-wiki

Installazione

Ultima versione: 0.68

Questo programma dipende da un numero di moduli inclusi i collegamenti python, gtk e python-gtk. La maggior parte delle distribuzioni Linux hanno pacchetti standard per questi binding, se la distribuzione di questi pacchetti li installerà sarà probabilmente molto più facile da compilare manualmente.

Per compilare e installare l’esecuzione di origine:

  • $ ./test.py
  • $ ./setup.py install

Qui puoi trovare istruzioni più dettagliate per costruire dalla fonte.

fonte

Scarica qui

Pacchetti

Ubuntu

Il pacchetto non ufficiale (.deb) ubuntu può essere trovato qui

Esiste anche un PPA con gli aggiornamenti per zim qui

Per installare da terminlae copiate i seguenti comandi:

Terminale
  1. sudo apt-get update
  2. sudo apt-get install zim

Rimuovere:

Per rimuovere aprite un terminale e copiate i seguenti comandi:

Terminale
  1. sudo apt-get update
  2. sudo apt-get –purge remove zim

Altre distribuzioni

È noto che le seguenti distribuzioni Linux includono zim:

  • Archlinux (extra / zim)
  • Debian (x11 / zim)
  • Gentoo (x11-misc / zim)
  • Sourcemage (zim)
  • Fedora
  • Ubuntu (universo)

Sapori BSD con una porta zim:

FreeBSD
OpenBSD

Zim – Un Wiki desktop

Sintassi

Esempi della sintassi wiki usata da zim.

La maggior parte di questa sintassi è ispirata alla sintassi di DokuWiki , ma con alcune modifiche significative. Tutti i markup utilizzano almeno due caratteri per ridurre la possibilità di conflitti tra l’uso tipografico normale del markup wiki di questi caratteri.
Titoli

Le intestazioni vengono create utilizzando una quantità appropriata di caratteri “=”:

====== head 1 ======

===== head 2 =====

==== head 3 ====

=== head 4 ===

== head 5 ==

link

Link a un’altra pagina come questa:

Sono supportati anche collegamenti esterni come http://nongnu.org
elenchi

Elenco puntato basta usare un “*” all’inizio della riga:

* item 1,2,3
* item 3a

Risultato:

  • item 1,2,3
  • item 3a

Gli elenchi numerati utilizzano “1”, “a” o “A”.:

  1. item 1,2,3
    a: item 3a

Gli elenchi numerati possono iniziare con un numero arbitrario. Tuttavia, le incoerenze interne verranno risolte rinumerando automaticamente. Fuori rotta è possibile combinare liste numerate con sottoliste bullet e viceversa.

Gli elenchi delle caselle di controllo hanno questo aspetto:

[ ] foo
[*] bar
[*] sub item 1
[*] sub item 2
[x] baz

Risultato:

  • foo
  • bar
  • sub item 1
  • sub item 2
  • baz

Ovviamente le caselle di controllo sono selezionabili in zim. Vedi le caselle di controllo per maggiori dettagli.
markup

grassetto , corsivo , sottolineato e verbale

**bold**, //italic// and __underline__ and ”verbatim”

e anche

and also ~~strike through~~

L’utilizzo di verbatim impedisce inoltre un’ulteriore analisi del contenuto. Per rendere un blocco intero testuale, la prima e l’ultima riga del blocco dovrebbero contenere 3 virgolette e nessun altro carattere:

Sing, O goddess, the rage of
Achilles son of Peleus, that
brought countless ills upon
the Achaeans.

Questo può essere usato per esempi di codice ecc.

Prima della versione 0.26 tutti i paragrafi rientrati erano resi anche testualmente. Questo è stato modificato perché era in conflitto con l’uso tipografico dei paragrafi di rientro che non erano intesi come testuali. Tuttavia, per mantenere la retrocompatibilità, questo stile è ancora supportato per qualsiasi pagina che non ha intestazioni che indicano che è stata scritta dalla versione 0.26 o più recente.
immagini

Per includere le immagini utilizzare:

{{}} ./foobar.png

Il nome file per un’immagine può essere assoluto o relativo. Se relativo viene cercato nella stessa directory in cui si trova l’origine del testo della pagina corrente.

Grazie! per l’utilizzo della Guida di Linuxiano.

Trovi questo tutorial utile? Condividi con i tuoi amici per tenerlo in vita.
Sii il primo a commentare, apprezzo i tuoi suggerimenti. Per ulteriori domande potete commentare qui sotto.