parrot-security-os | Linuxiano.it
Privacy Policy

parrot-security-os

parrot-security-os

Parrot Security OS è una distribuzione GNU/Linux basata su Debian Testing e utilizza un sistema di aggiornamento rolling release.

Progettato per effettuare test di penetrazione, valutazione della vulnerabilità, navigazione web anonima ed in generale svolgere attività legate all’informatica forense. È tuttora sviluppata dal Team Frozenbox. Il forum per il supporto ufficiale è disponibile all’indirizzo https://community.parrotsec.org/

Offre parecchi strumenti progettati per il web e sistemi informatici d’ analisi, tra cui un laboratorio dedicato all’ uso digitale, e la capacità di lavorare con la crittografia. Inoltre, consente agli utenti di navigare e lavorare online in forma anonima grazie anche allo strumento integrato AnonSurf che sfrutta la rete Tor.

Parrot si basa su Debian con un kernel Linux personalizzato, e utilizza di default LightDM come display manager e MATE come ambiente desktop.

Il progetto è certificato per funzionare su macchine 32bit, 64bit e ARMhf; dal sito ufficiale è possibile reperire le seguenti versioni:

  • Full Edition (la versione più completa)
  • Lite Edition (più leggera e senza strumenti dedicati installati)
  • Parrot AIR (progettata per i test di penetrazione delle reti wifi)
  • Parrot Cloud Edition (progettata per i server e nello specifico per il cloud pentesting)
  • Embedded Devices and IoT
  • Netboot Images (è un’immagine molto piccola e richiede una connessione attiva ad internet per installarla)
  • Parrot 3.8 Studio (solo 64bit, orientata al multimedia)
  • Parrot Libre Edition

I requisiti minimi sono i seguenti:

  • CPU: almeno 1Ghz dual core cpu
  • ARCHITETTURE: 32bit, 64bit e ARMhf
  • RAM: minimi 384Mb – 2048Mb suggeriti
  • GPU: non è necessaria l’accelerazione grafica
  • Memoria richiesta lite: 8GB
  • Memoria richiesta Full: 16GB
  • BOOT: Legacy bios o UEFI

Grazie! per l’utilizzo della Guida di Linuxiano.

Trovi questo tutorial utile? Condividi con i tuoi amici per tenerlo in vita.
Sii il primo a commentare, apprezzo i tuoi suggerimenti. Per ulteriori domande potete commentare qui sotto.