gnu-octave-software-analisi-numerica | Linuxiano.it
Privacy Policy

gnu-octave-software-analisi-numerica

GNU Octave

gnu-octave-software-analisi-numerica in gran parte compatibile con MATLAB

Ha un insieme di funzionalità fornite per il calcolo matriciale come rango e determinante o specialistiche come decomposizione ai valori singolari (SVD), fattorizzazione LU; sebbene consenta di trovare la soluzione numerica di sistemi lineari non svolge calcolo simbolico o altre attività tipiche di un sistema di algebra computazionale.

Dettagli tecnici

  • Octave è scritto in conformità dello standard POSIX nel linguaggio C++ usando le librerie Standard Template Library, utilizza un interprete per il suo linguaggio di scripting, estendibile attraverso moduli o funzioni scritte dall’utente e può lavorare assieme a gnuplot e Grace per disegnare funzioni, grafici, tabelle, consentendo di salvarli o stamparli.

Octave, il linguaggio

Il linguaggio di scripting di Octave supporta svariate librerie del C, e supporta inoltre diverse system calls e funzioni UNIX.

I programmi scritti con Octave sono degli script o liste di chiamate a funzioni. Il linguaggio dispone di diversi tipi di dati, oltre quello numerico esistono anche un tipo logico (true, false), uno di tipo stringa e strutture dati analoghe alle struct del linguaggio C. Esiste anche un altro tipo di dato molto potente ed è la matrice che consente molte operazioni di tipo matriciale. Il linguaggio di Octave non è un linguaggio orientato agli oggetti ma supporta le strutture dati, inoltre mette a disposizione varie strutture per il controllo del flusso, come i test logici if-else e switch ed i cicli while e do-until.

La sintassi è molto simile a quella di MATLAB, ed è possibile scrivere script che girano sia sotto Octave che su MATLAB.

Octave è distribuito sotto licenza GPL, e quindi può essere liberamente copiato e usato. Il programma gira sotto sistemi Unix e Linux, oltre che su Windows e macOS.

Installazione

Ci sono diversi metodi che puoi usare per installare GNU Octave. Tutti i metodi sono relativamente facili in quanto non richiedono di Octave manipolare i file di configurazione prima dell’installazione. Scegli quello che fa per te, come dovrebbero tutti funzionare correttamente.

In questa sezione, vedrai come puoi installare GNU Octave attraverso i seguenti metodi:

  • Flatpak
  • Gestore di software Ubuntu
  • Apt Install

Flatpak

Proprio come Snaps, FlatPak può essere usato per installare rapidamente pacchetti Linux. FlatPak viene utilizzato per l’implementazione del software, la gestione dei pacchetti e fornisce una sandbox per l’esecuzione delle applicazioni.

Installare GNU Octave tramite FlatPak:

Assicurati di avere installato FlatPak. È possibile verificare se FlatPak è installato eseguendo il comando flatpak -version sulla riga di comando. Un messaggio di errore indica che FlatPak non è ancora installato. Passare al passaggio 2 per installare FlatPak e il passaggio tre se già installato.
Per installare FlatPak, è possibile utilizzare apt-get È possibile installare FlatPak con il seguente comando:

Terminale

sudo apt-get install flatpak

  1. Poiché FlatPak è installato, dobbiamo aggiungere il repository Flathub. Flathub è l’Appstore per le app Linux e dovrai installare GNU Octave dallo store. Il comando flatpak remote-add -if-not-exists flathub https://flathub.org/repo/flathub.flatpakrepo viene utilizzato per aggiungere il repository Flathub.
  2. Ora che il repository Flathub è stato aggiunto, ora puoi installare GNU Octave.
  3. Il comando flatpak install flathub org.octave.Octave verrà utilizzato per installare GNU Octave.
  4. Nota bene che se il repository Flathub non è stato aggiunto all’elenco degli archivi, FlOctaveatPak non troverà GNU Octave.

Ubuntu Software Cneter

Ubuntu Software Manager può essere considerato l’Appstore ufficiale per il sistema operativo Ubuntu. Installare GNU Octave con Ubuntu Software Manager è probabilmente il metodo più semplice.

Passi per l’installazione di GNU Octave tramite Ubuntu Software Manager:

  1. Avvia il software manager di Ubuntu
  2. Cerca GNU Octave
  3. Seleziona l’icona GNU Octave nei risultati
  4. Seleziona “Installa”

Come puoi vedere, i passaggi necessari per installare GNU Octave tramite Ubuntu Software Manager sono minimi, quindi potresti decidere di andare con questa sezione.

Apt Install

Oltre alle opzioni discusse in precedenza nell’articolo, Octave può anche essere installato utilizzando la parola chiave apt con il seguente comando:

Terminale

sudo apt-get install octave

GNU Octave ha molte funzionalità integrate, ma queste funzionalità possono essere estese usando pacchetti esterni.

In questa sezione, imparerai come installare e rimuovere i pacchetti Octave. Alcuni di questi pacchetti forniscono estensioni per Arduino Microcontrollori, Database, Fuzzy Logic Toolkit, Funzioni di Image Processing, ecc.

Prima di immergerti nel processo di installazione dei pacchetti Octave, dovrai installare un pacchetto sulla tua macchina Debian / Ubuntu.

Per installare pacchetti esterniGNU Octave dipende dal pacchetto liboctave-dev.

È possibile installare liboctave-dev con il comando seguente:

Terminale
sudo apt install liboctave-dev

gnu-octave-software-analisi-numerica

gnu-octave-software-analisi-numerica

gnu-octave-software-analisi-numerica

Clicca sempre su successivo e al termine su finito
gnu-octave-software-analisi-numerica

Installazione del pacchetto

Per utilizzare pacchetti esterni per estendere la funzionalità di GNU Octave, dobbiamo scaricare il file del pacchetto dall’elenco dei pacchetti.

Dopo il download è possibile eseguire il comando seguente nella finestra di comando di GNU Octave per installare:

Terminale

pkg installpackage-name.tar.gz

Ad esempio, dopo aver scaricato il pacchetto Image Processing; può essere installato con il comando:

Terminale

pkg install image-2.10.0.tar.gz

Il messaggio visualizzato dopo aver eseguito il comando è:

>> pkg install image-2.10.0.tar.gz

Per informazioni sui cambiamenti rispetto alle versioni precedenti del pacchetto immagine, esegui “news magie”

Caricamento del pacchetto

Dopo aver installato il pacchetto, non possiamo accedere immediatamente alle funzioni fornite dal pacchetto; quindi prima dobbiamo caricarlo.

Per caricare un pacchetto, dobbiamo utilizzare la parola chiave “load” con il comando pkg:

Terminale
pkg load package-name

Non è necessario includere la versione del pacchetto per usarlo.

Ad esempio, per caricare il pacchetto di elaborazione immagini installato in precedenza, utilizzeremo il seguente comando:

Terminale
pkg load image

Il pacchetto immagine deve essere caricato ed è possibile accedere alle funzioni fornite dal pacchetto immagini.

Disinstallazione del pacchetto

È possibile disinstallare i pacchetti così come li avete installati; la differenza qui è che l’argomento è “disinstalla” per rimuovere un pacchetto invece di “install” per installare un pacchetto:

Terminale
pkg uninstall nome-pacchetto

Ad esempio, per rimuovere il pacchetto di elaborazione immagini che è possibile eseguire:

Terminale
pkg uninstall image

Grazie! per l’utilizzo della Guida di Linuxiano.

Trovi questo tutorial utile? Condividi con i tuoi amici per tenerlo in vita.
Sii il primo a commentare, apprezzo i tuoi suggerimenti. Per ulteriori domande potete commentare qui sotto.

Iscriviti al sito

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio


Ho letto

l’informativa Privacy

e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

Risolvi il reCAPTCHA per dimostrare che non sei un robot:
[recaptcha]

clicca qui per tornare a Linuxiano