Aggiorna ubuntu-18-04-a-ubuntu-19-10 direttamente da riga di comando | Linuxiano.it
Privacy Policy

Aggiorna ubuntu-18-04-a-ubuntu-19-10 direttamente da riga di comando

Aggiorna ubuntu-18-04-a-ubuntu-19-10 direttamente da riga di comando

Poiché Ubuntu 19.04 è ancora supportato dalla società canonical, gli utenti Ubuntu 18.04 devono prima eseguire l’aggiornamento a 19.04 e seguire lo stesso processo per eseguire l’aggiornamento a 19.10

Questo tutorial ti mostrerà come aggiornare Ubuntu 18.04 direttamente a Ubuntu 19.10 dariga di comando, ignorando Ubuntu 19.04.
Perché Ubuntu 18.04 deve prima eseguire l’aggiornamento a 19.04?
Come spiegato nell’articolo precedente, se gli utenti di Ubuntu 18.04 seguono la procedura di aggiornamento standard, verrà loro detto di aggiornare prima a 19.04.

Ciò è dovuto al fatto che Ubuntu 19.04 è ancora supportato da Canonical e non ha ancora raggiunto la fine del ciclo di vita. Dopo che Ubuntu 19.04 sarà alla fine del suo ciclo di vita nel gennaio 2020, gli utenti di Ubuntu 18.04 possono eseguire l’aggiornamento direttamente a 19.10, seguendo la procedura di aggiornamento standard. Se non vuoi aspettare 3 mesi e non ti piace aggiornare due volte, puoi seguire le istruzioni qui sotto per aggiornare direttamente a 19.10.

Nota: prima di eseguire l’aggiornamento, possiamo utilizzare il programma Systemback per creare un’immagine ISO avviabile dal sistema operativo corrente. Se l’aggiornamento non riesce, è possibile ripristinare facilmente il sistema operativo con l’ISO di avvio. Tutto sul tuo sistema operativo, inclusi software e file, sarà intatto. Se utilizzate un laptop collegatelo alla rete elettrica.

Aggiorna ubuntu-18-04-a-ubuntu-19-10 direttamente dalla riga di comando

Il metodo che sto per mostrarti ti illustrerà come funziona il gestore degli aggiornamenti della distribuzione Ubuntu. L’unica differenza è che cambieremo il percorso di aggiornamento che Canonical ci offre.

Innanzitutto, eseguiamo il seguente comando per aggiornare il software esistente. (da notare che se un nuovo kernel è installato durante l’esecuzione del comando seguente, dobbiamo riavviare il sistema per continuare il processo di aggiornamento.)

sudo apt update && sudo apt dist-upgrade

Quindi assicurati di aver installato il pacchetto update-manager-core.

  • sudo apt install update-manager-core

Successivamente, modifica un file di configurazione utilizzando nano o l’editor di testo della riga di comando preferito:

Terminale
  • sudo gedit /etc/update-manager/release-upgrades

Nella parte inferiore di questo file, cambia il valore di Prompt da lts a normal.

Prompt=normal

ubuntu-18-04-a-ubuntu-19-10

Per salvare un file nell’editor di testo gedit, premere salva.

Successivamente, dovete eseguire il seguente comando  per modificare tutte le istanze di bionic in eoan nel file dell’elenco di sorgenti ( /etc/apt/sources.list ). Bionic è il nome in codice per Ubuntu 18.04, mentre eoan è il nome in codice per Ubuntu 19.10:

Terminale
  • sudo sed -i ‘s/bionic/eoan/g’ /etc/apt/sources.list

Quindi dobbiamo disabilitare i repository di terze parti (PPA) con il comando seguente:

Terminale
  • sudo sed -i ‘s/^/#/’ /etc/apt/sources.list.d/*.list

Dopo aver disabilitato i repository di terze parti, eseguire i comandi seguenti per aggiornare le origini software e aggiornare il software all’ultima versione disponibile nel repository Ubuntu 19.10. Questo passaggio si chiama aggiornamento minimo:

Terminale
  • sudo apt update && sudo apt dist-upgrade

Se durante l’aggiornamento viene visualizzato apt-listchanges, è possibile premere il tasto Q per tornare alla schermata principale.

Al termine dell’aggiornamento minimo, eseguire il comando seguente per iniziare l’aggiornamento completo:

Terminale
  • sudo apt dist-upgrade

Se vedi questo errore:

Terminale

Unable to fetch some archives, maybe run apt-get update or try with –fix-missing?

Quindi eseguire il comando seguente per correggere l’errore:

Terminale
  • sudo apt update

E ripeti:

Terminale
  • sudo apt dist-upgrade

Ora puoi rimuovere i pacchetti software obsoleti / non necessari dal tuo sistema Ubuntu:

Terminale
  • sudo apt autoremove
  • sudo apt clean

Infine, riavvia il sistema:

Terminale
  • sudo shutdown -r now

Una volta riavviato, puoi aprire la finestra del terminale e controllare la tua versione di Ubuntu:

Terminale
  • lsb_release -a

Dovresti vedere il seguente testo.

No LSB modules are available.
Distributor ID: Ubuntu
Description: Ubuntu 19.10
Release: 19.10
Codename: eoan

<h3>Come riattivare i repository di terze parti</h3>

I repository di terze parti sono definiti nei file .list nella directory /etc/apt/sources.list.d/. Innanzitutto, riattiva i repository di terze parti con il seguente comando, che rimuoverà il carattere # nelle righe che iniziano con deb:

Terminale
  • sudo sed -i ‘/deb/s/^#//g’ /etc/apt/sources.list.d/*.list

Quindi cambia tutte le istanze di bionic in eoan:

Terminale
  • sudo sed -i ‘s/bionic/eoan/g’ /etc/apt/sources.list.d/*.list

Aggiorna indice repository dei pacchetti:

Terminale
  • sudo apt update

Alcuni repository di terze parti non hanno una voce per Ubuntu 19.10, quindi probabilmente vedrai errori come:

E: The repository ‘http://linux.dropbox.com/ubuntu eoan Release’ does not have a Release file.
N: Updating from such a repository can’t be done securely, and is therefore disabled by default.
N: See apt-secure(8) manpage for repository creation and user configuration details.
Sarà necessario modificare questi file di repository uno per uno e ripristinare eoan in bionic . Ad esempio, modifico il file del repository Dropbox:

Terminale
  • sudo gedit /etc/apt/sources.list.d/dropbox.list

Cambia eoan a bionic. Salva e chiudi il file.

Grazie! per l’utilizzo della Guida di Linuxiano.

Trovi questo tutorial utile? Condividi con i tuoi amici per tenerlo in vita.
Sii il primo a commentare, apprezzo i tuoi suggerimenti. Per ulteriori domande potete commentare qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.