Come creare chiavi SSH con OpenSSH su Ubuntu 20.04

Come creare-chiavi-ssh-con-openssh su Linux o MacOS

Macchine virtuali (VM) basate su Linux che vengono eseguite su hardware virtualizzato

Ogni Droplet che crei è un nuovo server da utilizzare, autonomo o come parte di un’infrastruttura più grande, basata su cloud.

La suite standard di strumenti OpenSSH contiene ssh-key genuina, che viene utilizzata per generare coppie di chiavi. Eseguilo sul tuo computer locale per generare una coppia di chiavi RSA a 2048 bit, che va bene per la maggior parte degli usi:

Terminale
  • ssh-keygen

creare-chiavi-ssh-con-openssh

L’utilità richiede di selezionare una posizione per i tasti. Per impostazione predefinita, le chiavi sono archiviate nella ~/.ssh directory con i nomi dei file id_rsaper per la chiave privata e id_rsa.pubper per la chiave pubblica. L’uso delle posizioni predefinite consente al client SSH di trovare automaticamente le chiavi SSH durante l’autenticazione, quindi consiglio di accettarle premendo ENTER.

creare-chiavi-ssh-con-openssh

avvertimento

Se in precedenza hai generato coppie di chiavi, potrai visualizzare un prompt simile al seguente:

creare-chiavi-ssh-con-openssh

Se hai scelto di sovrascrivere la chiave sul disco, non sarà più possibile eseguire l’autenticazione utilizzando la chiave precedente. Selezionare Y (si) è un processo distruttivo e irreversibile.

Dopo aver selezionato un percorso per la chiave, ti verrà chiesto di inserire una passphrase opzionale che crittografa il file della chiave privata sul disco.

Se ne inserisci uno, dovrai fornirlo ogni volta che usi questa chiave (a meno che tu non stia eseguendo il software dell’agente SSH che memorizza la chiave decodificata). Consiglio di utilizzare una passphrase, ma puoi premere ENTER per ignorare questo prompt.

Questo è l’ultimo passaggio del processo di creazione. Ora hai una chiave pubblica e privata che puoi usare per autenticarti.

creare-chiavi-ssh-con-openssh

Il mio esempio chiave SSH


Articoli Correlati

chiavi-ssh-linux


Grazie! per l’utilizzo della Guida di Linuxiano.

Trovi questo tutorial utile? Condividi con i tuoi amici per tenerlo in vita.
Sii il primo a commentare, apprezzo i tuoi suggerimenti. Per ulteriori domande potete commentare qui sotto.

Lascia un commento